Progetto di rinnovamento della didattica della storiaLa

 

 

DENOMINAZIONE

PROGETTO

 

" Il curricolo verticale delle conoscenze significative e delle operazioni  cognitive in Storia: individuazione di  conoscenze ed abilità per ogni classe, ordine e grado di scuola; verifica del conseguimento delle stesse”

PRESENTAZIONE PROGETTO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In continuità con il lavoro condotto negli anni scolastici precedenti, il progetto intende promuovere il rinnovamento della didattica della storia a partire dalla  costruzione e sperimentazione di un curricolo delle conoscenze significative e delle operazioni cognitive in Storia particolarmente attento ai: copioni (scuola dell’infanzia e primaria), quadri di civiltà (scuola primaria e secondaria di 1° grado), processi di trasformazione (scuola secondaria di 1° grado). Il lavoro in rete e su classi parallele viene privilegiato per favorire il confronto tra i docenti, una programmazione e un monitoraggio condivisi.

 Quest’anno viene attivato il corso di formazione  “La storia a scuola: come renderla appassionante e formativa”.  Esso è articolato in quattro serie di incontri, guidati dai formatori dell’Associazione CLIO ’92,  ed è finalizzato:

a)   alla individuazione delle conoscenze e delle abilità che gli alunni dovranno acquisire alla fine di ogni ordine di scuola;

b)   alla costruzione di prove in ingresso e in uscita volte ad accertare l’avvenuto conseguimento delle stesse.

 Alcune classi dell’Istituto Comprensivo  saranno coinvolte in iniziative ed attività volte a favorire la ricerca storico-didattica condotta con metodo laboratoriale.

 L’Istituto aderisce all’Associazione CLIO ’92 e partecipa, con propri rappresentanti, alla rete delle reti regionale “Le Marche fanno storie”.

 

RESPONSABILE

PROGETTO

 

Docenti  M.Catia Sampaolesi e Daniela Storti

DURATA  E FASI OPERATIVE

Da Settembre 2008 a Giugno 2009.

 

FINALITÀ

 

 

 

Individuare, all’interno di un curricolo verticale delle conoscenze significative e delle operazioni cognitive  in Storia, le conoscenze  e le abilità specifiche di ogni classe, ordine e grado di scuola e costruire prove in ingresso e in uscita volte ad accertare l’avvenuto conseguimento delle stesse.

 

OBIETTIVI SPECIFICI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

·        Revisionare i contenuti dell’insegnamento della storia secondo l’impostazione storiografica della World History.

·        Integrare l'impostazione storiografica  della World History con l'attenzione alle altre  "storie": locale, nazionale, europea e comprendere le relazioni esistenti tra di esse.

·         Concordare conoscenze ed abilità specifiche di ogni classe  ed ordine di scuola.

·        Costruire prove in ingresso e in uscita, per ogni ordine di scuola, volte ad accertare il conseguimento delle stesse.

·         Progettare Unità di Apprendimento caratterizzate da una  struttura modulare.

·        Programmare, gestire e monitorare il progetto operando in rete, su classi parallele e a livello interdisciplinare.

·        Utilizzare la metodologia del laboratorio, della ricerca-azione, nel lavoro tra i docenti e con gli alunni.

·         Sperimentare con le classi le Unità di Apprendimento  elaborate.

·         Far acquisire agli alunni conoscenze a livello interdisciplinare.

·        Sviluppare il metodo della ricerca con particolare riferimento all’individuazione e all’uso delle fonti di documentazione.

·         Potenziare la comunicazione attraverso l’uso di tutti i linguaggi: verbali e non verbali.

 

CORSI E CLASSI PARTECIPANTI

Scuola dell’Infanzia Tutte le sezioni di Scuola dell’Infanzia
Scuola Primaria Classi: tutte
Scuola Secondaria di 1° grado Classi: tutte

DOCENTI E/O ESPERTI PARTECIPANTI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Numero 

4

Nome

 

Qualifica

Tutti i docenti di Storia dei tre ordini di scuola.

 

Ivo Mattozzi

 

 

Docente di Didattica della Storia e di Storia moderna presso l’Università degli studi di Bologna. Presidente CLIO ’92

 

Luciana Coltri

 

Supervisore  a tempo parziale presso l’ Università degli Studi di Padova. Formatrice CLIO ’92

 

Maria. Teresa Rabitti

 

Docente di Didattica della Storia presso la Libera Università di Bolzano. Formatrice CLIO ’92.

 

Ernesto Perillo

 

Formatore CLIO ’92

 

ATTIVITÀ’

E CONTENUTI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1) In rete (mediante stipula di apposito accordo che prevede la compartecipazione alle spese sostenute) con i seguenti istituti :

Istituto Comprensivo "Mazzini" Castelfidardo

Istituto Comprensivo Loreto

Istituto Comprensivo “Gigli” Monteroberto

Istituto Comprensivo "Bruno da Osimo" Osimo

Istituto Comprensivo "C. G. Cesare" Osimo

Istituto Comprensivo "Trillini" Osimo

Istituto Comprensivo “Tacchi- Venturi”  S. Severino Marche

Scuola media “Patrizi”  Recanati

IIS “Da Vinci” Civitanova

IPC “Bonifazi” Civitanova/Recanati

IIS “Einstein-Nebbia” Loreto

IIS “Corridoni-Campana” Osimo

ISIS “Laeng-Meucci” Osimo/Castelfidardo

ITIS “Mattei” Recanati

Liceo “Leopardi” Recanati

 Da novembre 2008 a marzo 2009 si terranno quattro serie di incontri di formazione, come da programma allegato.

“La storia a scuola: come renderla appassionante e formativa”

 

ISIS “Laeng” di Osimo

Giovedì 20 novembre 2008

ore 15.00-19.00

Venerdì 21 novembre 2008

ore 14.30-17.30

 

 

 

 

Liceo “Campana” di Osimo

Giovedì 15 gennaio 2009

ore 15.00- 19.00

Venerdì 16 gennaio 2009

ore 14.30-17.30

 

 

(sede da definire)

Martedì 17 febbraio 2009

ore 15.00-19.00

Mercoledì 18 febbraio 2009

ore 14.30-17.30

 

 

(sede da definire)

Lunedì 9 marzo 2009

Ore 15.00-19.00

Martedì 10 marzo 2009

Ore 14.30-17.30

 

 

“Abilità e conoscenze significative

 nel curricolo di storia dall'infanzia

 all' università”

Ivo Mattozzi

Docente di Didattica della Storia  e

Storia Moderna presso l’ Università

degli Studi  di Bologna.

Presidente  CLIO ’92.

 

“Concettualizzare attraverso copioni

e quadri di civiltà”

Luciana Coltri

Supervisore a tempo parziale presso

l’Università degli Studi di Padova.

Formatrice CLIO ’92.

 

“Costruire processi di trasformazione

 per capire il mondo”

Maria Teresa Rabitti

Docente di Didattica della Storia  presso

la Libera Università di Bolzano.

Formatrice  CLIO ’92.

 

 

“Insegnare  e imparare la storia per

temi e problemi”

Ernesto Perillo

Formatore CLIO ’92

Da marzo a maggio 2009 verrà costituito un gruppo di lavoro con rappresentanti dei vari istituti in rete i quali, sulla base di quanto appreso durante il corso, redigeranno il curricolo verticale sulla base delle conoscenze e  delle abilità individuate e costruiranno le prove in ingresso e in uscita, da somministrare agli alunni nei periodi fine maggio/primi di giugno 2009 e seconda metà di settembre 2009.

 

2) In rete (mediante stipula di apposito accordo che non prevede oneri economici da parte della nostra scuola) con l'Istituto Comprensivo Corinaldo.

L’accordo prevede la partecipazione di alcuni docenti dei vari ordini di scuola alle attività di formazione e laboratorio organizzate dall’Istituto capofila.

 

3) All'interno dell'Istituto Comprensivo Castelfidardo

Nel corso dell’anno scolastico verrà pubblicato il lavoro di ricerca sulle vie di Castelfidardo, proposto da Pro Loco, Centro Studi Storici Fidardensi e Fondazione Ferretti, portato avanti dalle classi terze medie (a.s. 2007-2008) in parallelo  con le terze dell’Istituto Comprensivo Mazzini.

La classe III B della scuola media sarà impegnata in un laboratorio di ricerca storico-didattica  sul tema “Essere alunni a Castelfidardo al tempo del fascismo”

 

METODI

 

 

 

 

Relazione e dibattito.

Laboratorio. Ricerca-azione.

Confronto e scambio delle esperienze (per i docenti).

Lezione dialogata.

Laboratorio.

Archivio (per gli alunni).

 

MATERIALI E STRUMENTI

 

 

Manuali, testi storici e storiografici, atlanti storici, saggi, stampa d'epoca, documenti da reperire presso biblioteche ed archivi. Uso di PC, fax, Internet, sussidi audiovisivi di ogni tipo per la costruzione delle U.A. da parte dei docenti e la produzione degli elaborati da parte degli alunni. Materiale ministeriale: "Il Novecento e la Storia" e "Insegnare storia". Materiale di facile consumo. Visite guidate a musei, mostre, siti archeologici.

 

 

AUTOVALUTAZIONE MONITORAGGIO E VERIFICA

 

 

Come indicato in precedenza, la verifica del lavoro svolto verrà condotta periodicamente, durante gli incontri di laboratorio dei docenti e con l'aiuto dei formatori. Nel mese di gennaio si procederà al monitoraggio di metà percorso e nel mese di maggio a quello conclusivo.

 

FINANZIAMENTO 

 

X    D’Istituto 

X    Della rete